I diaconi in aiuto dei monaci Ramia

Nel Nuovo Testamento è scritto che gli apostoli scelsero fra i battezzati alcuni uomini e donne disponibili, affinché collaborassero al loro ministero. Così nacque la figura del diacono.
La parola diacono indica colui che fa servizio alla sua comunità.

Proprio come fecero gli apostoli, anche i monaci ramia si avvalgono della collaborazione di alcuni battezzati e battezzate ramirici, ammettendoli al diaconato per il periodo di dodici mesi, che può essere esteso di anno in anno.

Avendo ricevuto un’adeguata preparazione, i diaconi aiutano noi monaci, soprattutto nei luoghi lontani dal monastero, operando quali nostri incaricati nella celebrazione dei sacramenti – i sacri momenti – come per esempio il battesimo, il matrimonio, il funerale.

A differenza dei monaci ramia che hanno lasciato tutto per servire la Chiesa a tempo pieno, i diaconi ramirici continuano come prima la loro vita quotidiana, ovviamente dando un buon esempio di fede. I diaconi dunque non vivono in comunità, ma con la propria famiglia, e chi non è sposato può sposarsi.

‹ Ramia Franca: un dono di Dio per la Chiesa Approfondimenti ›