Famiglie Gino e Giuseppe Mosele: il tecnico del frantoio rimase stupito della nostra produzione di olive

Il 2014 sicuramente sarà ricordato come uno degli anni più piovosi della storia. Purtroppo le piogge eccessive e frequenti, come sappiamo, hanno provocato vittime, disastri materiali e distrutto molti raccolti.
Ed è proprio in riferimento ai lavori della terra che desidero esprimere con questo scritto, anche a nome di mia sorella e dei nostri mariti, un grande ringraziamento a Swami e la testimonianza di quanto sia potente e provvidenziale la sua benedizione anche per la terra.
Io, Lidia, e mia sorella Bertilla siamo proprietarie di un terreno collinare a Grancona in provincia di Vicenza, e adibito in parte a oliveto.
Il terreno è coltivato con passione, impegno e spirito di sacrificio dai nostri mariti Gino e Giuseppe. Quest’anno purtroppo, come già detto, a causa del maltempo la produzione delle olive è stata, almeno qui nella nostra provincia, molto scarsa e per di più danneggiata da un insetto devastante: la “mosca dell’olivo”, che quest’anno si è propagato in modo incredibile.
Con queste condizioni sfavorevoli la raccolta si è presentata incerta. Infatti alcuni agricoltori hanno rinunciato a raccogliere le olive a causa della scarsità di produzione e di questo insetto, che avendole intaccate, le ha rese inutilizzabili per la spremitura.
Noi la raccolta l’abbiamo iniziata, però abbiamo dovuto interromperla più volte a causa della pioggia.
Fiduciosi abbiamo invocato Swami e, che si creda o no, da quel momento non è più piovuto fino a quando abbiamo terminato, ed è subito ripreso a piovere abbondantemente appena riposte le olive al riparo.
Ebbene, la raccolta si è presentata superiore alle tristi previsioni. La resa e la qualità dell’olio ricavato è stata straordinariamente buona, di gran lunga superiore alla produzione media, in alcuni casi anche del doppio.
Il tecnico del frantoio rimase veramente stupito della nostra produzione e ancor di più i coltivatori che ci conoscono, e alla domanda «ma cosa avete fatto per avere questo risultato?», noi non abbiamo esitato a rispondere: «Il nostro oliveto ha ricevuto la benedizione di Swami, che non manchiamo mai di richiedere».
Grazie, grazie, grazie Swami.

Lidia Graser e Gino Mosele
Bertilla Graser e Giuseppe Mosele

‹ Famiglia Pellegrini: Non finiremo mai di ringraziare il Maestro Francesco Mancino: Coincidenze? ›

Swami Roberto

Multimedia